L’IMPORTANZA DI CREDERE NELLA SICUREZZA

 

“Salgono a 151 i lavoratori morti sui luoghi di lavoro nel 2018.

[…] Un numero notevolmente superiore rispetto ai 113 dello stesso periodo del 2017.

[…] Con 20 morti è il Veneto la Regione che conduce la triste classifica, segue la Lombardia e poi Piemonte.”

– è quanto riporta un articolo su La Repubblica.it

 


“È Milano, con 8 decessi la provincia con più morti sul lavoro, seguono due province venete, Treviso e Verona con 7 morti.” – prosegue lo stesso articolo su La Repubblica.

 

Occupandomi io proprio di sicurezza sul lavoro e per altro avendo la sede della mia azienda proprio in quel Veneto con il record di Regione con più incidenti mortali sul lavoro ed esattamente in quella Verona che registra già 7 lavoratori morti dall’inizio dell’anno, questi dati non potevano lasciarmi indifferente.

 

Certo che non mi occupo della messa in sicurezza di ogni singolo luogo di lavoro,

ma i fatti mi offrono uno spunto per invitarti a credere nella sicurezza.

 

Certo anche che gli imprenditori, come magari sei anche tu, non se la sono per nulla vista bene negli ultimi anni, infatti, già agli inizi del 2017 Franco D’Amico, responsabile dei servizi statistici di Anmil, ente rappresentante degli invalidi del lavoro e dei caduti sul lavoro, diceva:

 

“La crisi ha portato a un disinvestimento generale nella prevenzione lavorativa:

dotarsi di attrezzature e aggiornare i macchinari è ritenuto da molti un fattore su cui si può risparmiare.”

 

Al fattore economico, come sottolinea sempre a inizio 2017 Maria Giovannone, avvocato di Anmil, si aggiunge un altro fatto spinoso e davvero contorto. Un fattore non indifferente e che purtroppo è sempre attuale e costantemente presente:

 

“In tempi di crisi, le micro, piccole e medie imprese hanno talvolta scelto di sacrificare i costi legati alla prevenzione.

Ma, al di là di chi sceglie di disattendere le regole, esistono realtà attente all’attuazione della normativa che purtroppo non riescono sempre a “stare al passo” con la mole di regole vigenti e alle loro complesse interpretazioni.”

 

C’è da dire in coda a tutto ciò che per il fattore economico non posso darti consigli concreti (se non banalmente quello di armarti di tanto spirito competitivo e di non perdere mai l’entusiasmo per ciò che fai), ma per quanto riguarda quella selva fitta e oscura che sono le normative di sicurezza, sappi che ci sono aziende, come in campo di macchine utensili può essere Triveneta Impianti, con professionisti decisamente più economici di un avvocato che sanno indicarti il da fare per evitare situazioni decisamente più spiacevoli di una sanzione per il mancato rispetto delle normative…

 

RISPARMIARE SULLA SICUREZZA SIGNIFICA NON RISPARMIARE DOLORE ALLE FAMIGLIE

CHE PERDONO UN CARO A CAUSA DI UN INCIDENTE SUL LAVORO

 

Ecco qual è l’importanza di credere nella sicurezza.

 

Su questo non vorrei aggiungere altro e lasciartici ragionare liberamente, se ti va di esporre il tuo pensiero su questo argomento ti invito a lasciare un commento sotto al post.

Resta connesso!
Per non perdere nessun post
metti mi piace

alla pagina Facebook del blog:
Triveneta Sistemi

Ed entra a far parte
della mia rete su LinkedIn
per essere sempre aggiornato su ciò che faccio.

per essere sempre aggiornato
su ciò che faccio.

Se hai trovato questo articolo interessante, condividilo!
...perché anche altri possano approfondire i temi del mondo della lamiera.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Lieto di averti qui, io sono Enrico e voglio aiutarti a fare le scelte giuste per la tua azienda e la tua pressa piegatrice.
Non odi anche tu non sapere come e dove trovare le informazioni corrette per la messa a norma di una macchina? 
Ecco perché ho deciso di scrivere questo blog: per mettere tutta la mia esperienza (e passione) a disposizione di chi, come te, ne possa beneficiare per non cadere in certe “sviste”.